fbpx

Rete Metropolitana

del Nord Sardegna

SARDEGNA

Spiagge candide, mare turchese, insenature incontaminate, falesie, isolotti.

Molte delle leggende sullo splendore della Sardegna provengono da qui, dall’incantevole lato nord occidentale dell’isola. Le due città principali sono Sassari e Alghero, a cui si aggiungono Porto Torres, Sorso, Sennori, Castelsardo, Valledoria, Stintino.

Castelsardo è un’antica roccaforte medievale, caratterizzata dalla presenza del castello dei Doria, che sorge di fronte al mare e affonda le radici nella sua storia millenaria di rocca difensiva. Le spiagge di questa zona sono tra le più rinomate dell’Isola e si caratterizzano per la sabbia chiara, come La Pelosa, famosa per le sue acque, limpide e cristalline, che si trova nel territorio di Stintino, sede del museo delle Tonnare, adagiato nell’ultimo lembo di Sardegna, che si protende verso l’Isola dell’Asinara come per toccarla. Il Parco Nazionale dell’Asinara si sviluppa tra i sentieri aspri e assolati dell’isola, percorribili in mountain bike, a cavallo, a bordo di fuoristrada o trenini. L’area, inaccessibile per oltre un secolo, fino all’istituzione dell’ente Parco alla fine degli anni ’90, è ricca di fauna e flora mediterranea, con centinaia di specie, molte delle quali endemiche.
Sassari, nell’immediato entroterra, storico polo urbano del Capo di Sopra e antica città regia ricca di arte e natura, è il punto di riferimento più importante del nord della Sardegna, con il Museo Sanna, ricco di reperti storici, la Fontana di Rosello, e la splendida Piazza d’Italia, simbolo della città. Alghero e la Riviera del Corallo sono le perle di questo lato della Sardegna. Nei pressi della città, sorge il promontorio di Capo Caccia dove si cela la famosa Grotta di Nettuno. Qui i riflessi dell’acqua creano giochi di luce sulle pareti, là dove la natura ha ricamato vere e proprie sale con stalattiti e stalagmiti. Fiabesco, il lago salato sotterraneo.

Quality Made è sviluppato dal progetto S.MAR.T.I.C., “Sviluppo Marchio Territoriale Identità Culturale”, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, Programma INTERREG Italia-Francia Marittimo 2014-2020.